Contatti Contatti e orari Traduci Traduci Cerca Cerca Twitter Facebook Stampa  
 
Logo Comune di Cassina de' Pecchi
Città Metropolitana di Milano
Banner
Home Page
Organismi comunali
Programmi Amministrativi
Uffici e Servizi Comunali
Amministrazione Trasparente

In Comune
Giunta e Assessorati
Contatti e Orari degli Uffici
Scuola
Politiche sociali
Tributi
Ambiente ed Ecologia
Urbanistica e PGT
Mobilità
Edilizia
Politiche Giovanili e del Lavoro

Vivere Cassina
Biblioteca
Universita' 2000
Piccolo Teatro della Martesana
Scuola Civica di Musica
Associazioni
Sport
Shopping a Cassina
Il Torrione - MAIO
Mulino Dugnani

Cosa fare per
Calcolo IUC (IMU, TASI, TARI)
Scrivere ufficialmente al Comune
Utilizzo spazi comunali
ASL
Cassina a 4 zampe

Trasparenza
Albo Pretorio Online
Delibere e determine
Bandi di Gara
Concorsi pubblici
Enti e societa' partecipate
Trasparenza in numeri


Carabinieri nucleo Tutela del Patrimonio Culturale


Le origini del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale risalgono al 3 maggio 1969, allorché il Comando Generale dell’Arma, sulla base di una lungimirante intuizione del Capo di Stato Maggiore pro-tempore, Gen. Arnaldo Ferrara, determinò di costituire, presso il Ministero della Pubblica Istruzione e d’intesa con questo, il Nucleo Tutela Patrimonio Artistico.

L’intendimento era quello di fronteggiare, con efficacia di strumenti ed interventi mirati, l’allarmante fenomeno della depauperazione del più grande museo al mondo: l’Italia.
La sede prescelta fu lo storico Palazzetto ideato dall’architetto Filippo Raguzzini, vivace espressione dell’architettura tardo-barocca nella storica e suggestiva Piazza di Sant’Ignazio, assai cara al cuore dei romani ed importante meta del turismo culturale. Oggi si può ben affermare che, nell’immaginario, il reparto è romanticamente identificato dalla pubblica opinione con la sua stessa prestigiosa sede.

L’Italia fu così la prima Nazione al mondo a dotarsi di un organismo di polizia specializzato nello specifico settore, anticipando peraltro di un anno la raccomandazione della Conferenza Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO), che, da Parigi, indicava agli Stati aderenti l’opportunità di adottare varie misure volte a impedire l’acquisizione di beni illecitamente esportati e favorire il recupero di quelli trafugati, tra cui la costituzione di servizi a ciò preposti.

Anche a seguito dei rilevanti risultati conseguiti, il 20 settembre 1971 il Comando Generale dell’Arma stabiliva l’elevazione del reparto al rango di Comando di Corpo, retto da Colonnello, con alle dipendenze il preesistente Nucleo Tutela Patrimonio Artistico.

Quest’ultimo, negli anni successivi, allo scopo di delineare un modello organizzativo più rispondente alle aumentate esigenze di contrasto nel particolare comparto criminale, veniva riconfigurato in Reparto Operativo, articolato nelle Sezioni Archeologia, Antiquariato, Falsificazione ed Arte Contemporanea: Con Decreto del Ministro per i Beni Culturali e Ambientali del 5 marzo 1992, era formalmente sancita la collocazione del Comando nell’ambito del Dicastero, così come ne venivano formalizzati funzioni e compiti, con la nuova denominazione di Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Artistico, che sarà mantenuta sino all’emanazione del D.P.R. 6 luglio 2001, nr. 307.


Con tale provvedimento, infine, il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (nuova e attuale denominazione) è stato inserito tra gli Uffici di diretta collaborazione del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, al quale risponde funzionalmente.

Ai sensi del Decreto del Ministro dell’Interno del 28 aprile 2006, il Comando Carabinieri per la Tutela Patrimonio Culturale, in quanto struttura specializzata dell’Arma dei Carabinieri, anche attraverso i 12 Nuclei ed 1 Sezione TPC distribuiti sul territorio nazionale, alla quale è affidata in via prevalente e prioritaria la competenza nello specifico comparto di specialità (come già previsto in analogo D.M. sin dal 1992), ha ora anche formalmente assunto, nel settore, la funzione di polo di gravitazione informativa e di analisi a favore di tutte le Forze di Polizia, con particolare riferimento all’alimentazione della banca dati specializzata e dunque oggi come in passato il Comando opera sul territorio nazionale d'intesa con tutte le componenti dell'Arma dei Carabinieri, con le altre Forze dell'Ordine ed in sinergia con le Soprintendenze e svolge la propria attività in campo internazionale tramite INTERPOL secondo le convenzioni.


 




Documenti e modulistica

Immagini
  • B.JPG


Settore: Archivio

Area
Assessorato:
    Archivio

Assessore:
    Marcello Novelli
 

Alta visibilità
A-  A+
Alta visibilità Visibilità norm.
Reset impostazioni
 

Orari ufficio
 

Condividi
Twitter Condividi in twitter
Facebook Condividi in facebook
Stampa Stampa contenuto
 

Migliora il tuo comune
Cassina de' Pecchi, i suoi servizi, le sue strutture e il suo territorio possono diventare migliori grazie al tuo contributo.

Inviaci le tue idee o eventuali segnalazioni riguardanti disservizi, richieste di manutenzione del patrimonio comunale, malfunzionamenti di questo sito o qualsiasi altra cosa vuoi far sapere a chi amministra il tuo comune.

Mandaci una segnalazione
 
Logo Comune di Cassina de' Pecchi
P.IVA 05056590150 - Cod. Fis. 83500570151
P.za De Gasperi, 1 , 20060 Cassina de' Pecchi MI
Tel 02954401 - Fax 0295343248
Posta Elettronica Certificata:
  Specifiche
Copyright 2015 Comune di Cassina de' Pecchi
Supporto tecnico: a cura del SIC
Progetto e realizzazione grafica:
3S S.r.l. Solutions Services Systems
Certificati

Valida codice HTML Valida codice CSS